Neurochirurgo

testata.jpg
Dr. Caputi

Mal di schiena cronico: dischi e faccette

Una patologia da usura: il disco “canaglia”

Il disco è una delle strutture della colonna vertebrale più soggette ad usura. L’usura si manifesta principalmente a livello di L4-L5 che rappresenta il fulcro di gran parte dei movimenti della colonna, anche quelli semplicemente di sostegno ad una qualsiasi azione degli arti superiori e del tronco in generale. L’usura è naturalmente connessa all’età e dallo stress posto sul disco da lavori pesanti o posture inappropriate. Comporta mal di schiena cronico.

Il danno del disco si manifesta con perdita del contenuto idrico, perdita di elasticità, riduzione di spessore e fissurazione dell’anulus, con alterazione nella distribuzione delle forze di carico vertebrale. Ciò rende meno efficiente il complesso articolare vertebrale che lavora in condizioni non ottimali. Ne consegue infiammazione e dolore. Il dolore in questo caso è soprattutto lombare.

L’invecchiamento delle faccette articolari

Il cattivo funzionamento del tratto lombare della colonna vertebrale per effetto dell’usura, “sovraccarica” di lavoro Le faccette ed i legamenti articolari. Le faccette si deformano (artrosi), la rima articolare (spazio articolare tra le faccette) si modifica, l’attrito aumenta e vengono prodotte sostanze algogene per effetto dell’infiammazione. È questa un’altra causa importante del mal di schiena.

Anche i legamenti articolari subiscono tensioni inadeguate che determina ipertrofia.

Il mal di schiena

mal di schiena rappresentato nel lavoro "da scrivania"
Il mal di schiena legato ad attività “statiche”, nel professionista o in chi lavora al computer

Il dolore esprime la sofferenza. spesso è più acuto al mattino e, a mano a mano che l’attività quotidiana riprende si attenua per accentuarsi la sera. Altre volte si manifesta in condizione di carico stazione eretta prolungata (es: commesse,  militari), lavori usuranti (es: meccanici e magazzinieri) lavoro di scrivania, specie davanti al computer (es: programmatori, professionisti). Alla base probabilmente c’è la caduta del livello endorfinico e il calo della produzione di acido ialuronico con la notte o l’ischemizzazione dei tessuti durante il giorno.

La stenosi

I cambiamenti morfologici a carico del disco, delle strutture ossee e principalmente delle faccette articolari con ipertrofia ossea e cartilaginea portano alla stenosi. Non sempre si accompagna al mal di schiena, ma è prevalente la difficoltà della deambulazione.

Condividi l'articolo o stampa

Altri Articoli

Stabilizzazione percutanea lombare

La stabilizzazione percutanea riallinea la colonna vertebrale, attenua la pressione sulle faccette articolari, distende i legamenti gialli che protrudono nel canale vertebrale, tende l’anulus fibroso che contiene il disco intervertebrale, ed apre il canale di coniugazione. Con ciò “allarga” il canale vertebrale. Questa cosa non è da poco conto, considerato

Leggi tutto »
Parestesie, definizione

Si tratta di un sintomo neurologico caratterizzato da percezioni anomale sul corpo, spesso sugli arti o sul viso. Vengono descritte spesso come senso di addormentamento o formicolii, talora fissi, talora cangianti. Occasionalmente sono dolorose. Più spesso sono disturbanti, e sono alla base delle lamentele del paziente. Le parestesie acquistano significato

Leggi tutto »
Stabilizzazione percutanea lombare: la storia di un paziente

Quel fastidioso mal di schiena. se lo portava dietro da molti anni, dapprima lieve ed occasionale. Se ne accorgeva dopo qualche sforzo, come una partitella tra amici. Poi era diventato più insistente e non bastava la pomata, nè i cerotti medicati. Funzionava meglio una bustina di antidolorifico, ma appena portava

Leggi tutto »
Cruralgia

La cruralgia è il dolore irradiato lungo la superficie anteriore della coscia, per irritazione del nervo femorale. Può essere legato ad un’ernia del disco lombare alta o ad una stenosi lombare.

Leggi tutto »

Tabella dei Contenuti