Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Sindrome da deafferentazione trigeminale

Ci sono condizioni in cui la sensibilità del viso viene perduta. Appare la sindrome da deafferentazione trigeminale. Talvolta volontariamente il nervo trigemino ed i suoi rami sono stati recisi nella speranza di curare la nevralgia del trigemino. Altre volte per effetto collaterale di ripetuti trattamenti le fibre trigeminali conduttrici della sensibilità del viso sono state distrutte.

In conseguenza di ciò la cute del viso risulta anestetizzata, volgarmente “addormentata”. Ci si aspetterebbe che non ci debba essere più dolore, perchè la pelle è “insensibile”.

In realtà accade che il viso insensibile dolga ed il dolore risultante è più tormentoso della stessa nevralgia trigeminale. Si tratta della sindrome da deafferentazione trigeminale. Il dolore è diverso, continuo ed urente che non risponde più alle terapie tradizionali. La diagnosi non sempre è immediata.

Ciò che accade è di difficile comprensione per il profano. Infatti il gruppo di celule in cui arrivano gli impulsi nocicettivi (della sensibilità dolorosa) del viso si alterano. Si sbilanciano da un punto di vista bioelettrico e rimangono in uno stato eccitatorio. Normalmente esse vengono bilanciate e “frenate” dalla elettricità (potenziali di azione) che arriva ad esse lungo le fibre della sensibilità. In questo caso parliamo ovviamente della sensibilità facciale.

Queste cellule sono situate nelle corna posteriori del midollo e, nel caso del trigemino, nel nucleo caudato. La loro eccitazione “fuori luogo” viene interpretata dal cervello come dolore e si crea la sindrome da deafferentazione.

Condividi questo articolo
 
Si noti che queste informazioni sono di carattere generale e non autorizzano ad estrarne conclusioni diagnostiche e terapeutiche. Qualsiasi caso va discusso, verificato e diagnosticato con il medico abilitato al trattamento ipotizzato. Il testo e le immagini sono coperti dal diritto d'autore. Qualora il contenuto di queste pagine venga usato per integrare altri siti si prega di riconoscerne l'origine inviandone nota @ mail all'autore e di creare un link.