Neurochirurgo

testata.jpg
Dr. Caputi

Stabilizzazione intersomatica

La riduzione in altezza del disco intervertebrale dovuta all’usura ed all’invecchiamento comporta dei problemi. Infatti spesso alla base della patologia vertebrale lombare c’è spesso un’alterazione del disco intersomatico. 

L’avvicinamento dei corpi vertebrali tra loro restringe i forami di coniugazione, provoca la salienza dei legamenti gialli nel canale vertebrale ed un maggiore carico sulle faccette articolari con conseguente stress meccanico.

Per queste considerazioni è stata sviluppata un tipo di artrodesi, ossia fusione, tra le vertebre lombari, detta artrodesi intersomatica. Viene effettuata in diversi modi e per diverse vie, quasi sempre in base alle preferenze dell’operatore. Viene completata quasi sempre con una stabilizzazione posteriore per favorire il processo di fusione bloccando i segmenti adiacenti. L’immagine qui sotto esemplifica le vie di accesso. A fianco un controllo TAC di un paziente operato.  

Mobbs RJ, Phan K, Malham G, Seex K, Rao PJ. Lumbar interbody fusion: techniques, indications and comparison of interbody fusion options including PLIF, TLIF, MI-TLIF, OLIF/ATP, LLIF and ALIF. J Spine Surg. 2015 

Condividi l'articolo o stampa

Altri Articoli

Parestesie, definizione

Si tratta di un sintomo neurologico caratterizzato da percezioni anomale sul corpo, spesso sugli arti o sul viso. Vengono descritte spesso come senso di addormentamento o formicolii, talora fissi, talora cangianti. Occasionalmente sono dolorose. Più spesso sono disturbanti, e sono alla base delle lamentele del paziente. Le parestesie acquistano significato

Leggi tutto »
Caludicatio Intermittens o Neurogenica

La Claudicatio Intermittens detta anche neurogenica è una condizione per la quale il paziente dopo un po’ che cammina si deve fermare o appoggiarsi. Cioè succede che l’energia motoria nei muscoli delle gambe viene viene meno e si esaurisce nel giro di pochi minuti. Il paziente cioè con le gambe

Leggi tutto »
Stabilizzazione percutanea lombare

La stabilizzazione percutanea riallinea la colonna vertebrale, attenua la pressione sulle faccette articolari, distende i legamenti gialli che protrudono nel canale vertebrale, tende l’anulus fibroso che contiene il disco intervertebrale, ed apre il canale di coniugazione. Con ciò “allarga” il canale vertebrale. Questa cosa non è da poco conto, considerato

Leggi tutto »

Tabella dei Contenuti