Neurochirurgo

testata.jpg
Dr. Caputi

Forame di coniugazione e radice nervosa lombare

Cos’è

Il forame di coniugazione tra L3 ed L4: di qui passa la radice di L3

Il forame di coniugazione è il passaggio attraverso il quale la radice nervosa fuoriesce dal canale vertebrale, come indicato dalla freccia. Il forame di coniugazione, come è evidente dalle figure, si apre tra due vertebre contigue. Le radici nervose, ad ogni livello, si staccano dal midollo spinale e fuoriescono dal canale di coniugazione, le cui pareti sono costituite dalle faccette articolari, dai corpi vertebrali contigui e dal disco intervertebrale, come nello schema in alto. Non sono rappresentati i legamenti, anche essi parte costitutiva del forame di coniugazione. Nella figura in basso, si evidenzia come l’avvicinamento delle due vertebre contigue tra cui si apre il forame di coniugazione, possa irritare o comprimere la radice che lo attraversa.

Esso è una struttura  critica nel processo di usura e di senescenza delle strutture vertebrali. Infatti le vertebre tendono a deformarsi per alterazioni artrosiche ed il disco a disidratarsi, così che i margini del forame si restringono e strozzano al  radice nervosa, come illustra la figura qui di seguito. La radice, in un canale di coniugazione troppo stretto, ossia in conflitto meccanico con le strutture circostanti, si infiamma e causa dolore.

Forame di coniugazione ristretto tra due vertebre lombari che strozza la radice nervosa

I rimedi

Servono a ridurre il conflitto meccanico, aprendo il forame di coniugazione e riducendo la mobilità relativa tra le vertebre, in modo che la radice nervosa non venga “irritata”. ci sono varie possibilità:

  1. Uso di uno spaziatore interspinoso, particolarmente indicato in pazienti anziani. Funziona anche nelle persone più giovani in caso di disco nero con mal di schiena.  Viene impiantato anche in anestesia locale e l’intervento dura circa 30 minuti.
  2. Spaziatore interspinoso e foraminotomia insieme.  Serve per ridurre la motilità relativa delle vertebre che delimitano il forame di coniugazione. Allo stesso tempo rimuove l’osso in eccesso prodottosi per lo stress meccanico sulle strutture interessate e per l’artrosi.
  3. Stabilizzazione percutanea. Vengono impiantate delle viti peduncolari che allontanano tra di loro le vertebre e le stabilizzano. sono particolarmente indicate quando il disco risulta molto alterato e disidratato con avvicinamento eccessivo dei corpi vertebrali. Anche questo tipo di intervento è poco invasivo  e viene effettuato attraverso fori paralleli e simmetrici sulla cute ed attraverso i muscoli, tra le fibre muscolari, scostate, ma non interrotte. Idealmente interessa 2-3 vertebre, con 4-6 viti.
  4. Interventi più complessi, in cui si associano spaziatori intersomatici con fissazione a 360° e stabilizzazioni che coinvolgono più di 3 corpi vertebrali

Parla una paziente

Paziente operata

Immagini “dall’interno” catturate con la TAC.

intervento mininvasivo per la stenosi lombare

Il risultato dell’intervento mininvasivo, ottenuto allargando il canale vertebrale ed inserendo una protesi. In verde la parte “allargata”

Condividi l'articolo o stampa

Altri Articoli

Lombalgia o mal di schiena

Il mal di schiena è molto comune: ne soffre oltre il 25% della popolazione adulta. È legato al malfunzionamento dell’ultimo tratto della colonna lombo sacrale ed è influenzato dallo stile di vita. Cause e rimedi.

Leggi tutto »