Neurochirurgo

testata.jpg
Dr. Caputi

Meningioma sfenoidale

La cresta sfenoidale rapresenta il bordo tra la parte anteriore del cranio e la parte media (fossa cranica anteriore e media). Il meningioma interessa questa sede nel 13% dei casi.

meningioma sfenoidale
Meningioma sfenoidale e rapporti con la base cranica: Localizzazione 1 esterna o prerionale, 2 media e 3 interna o clinoidea

Bisogna sempre distinguere una parte carnosa o globulare, più o meno estesa, ed una parte che interessa e coinlvolge l’involucro durale per un tratto più o meno esteso, configurandosi come “una placca” e stimolando l’ispessimento deformante dell’osso cranico contiguo.

Può prevalere l’uno o l’altro aspetto e si parla rispettivamente di meningioma “a placca” (en plaque) o globulare.
Per la sede si distinguono:

  • Meningiomi pterionali (n°1), della parte laterale della cresta sfenoidale. Cresce molto lentamente, spesso il forma globulare, ossia si rileva dalle meningi e dall’osso facendosi spazio nel tessuto cerebrale, più raramente “a placca” (en plaque), ossia appiattito sull’osso che “reagisce” ispessendosi e limitando le strutture contigue, in particolare la regione zigomatica e la parete laterale dell’ orbita. Mentre la forma globulare si manifesta con sintomi di compressione ed irritazione cerebrale (epilessia, disturbi del linguaggio, motori e visivi), quelli en plaque comportano soprattutto alterazioni morfologiche facciali (asimmetria facciale).
  • Meningioma della parte media della cresta sfenoidale (n°2).
    meningioma sfenoide
    Tipico meningioma della cresta sfenoidale

    Cresce spesso “a placca” e quindi si manifesta con alterazioni morfologiche della regione orbitaria. La parte carnosa, presente in parte più o meno marcata, preme sul lobo temporale e si manifesta con epilessia o disturbi simili a quelli già descritti nel paragrafo precedente.

  • Meningioma della parte mediale, clinoidale o del tubercolo sellare (n°3), cresce in stretto rapporto con strutture complesse e vitali quali le carotidi e le sue diramazioni, il nervo ottico ed il chiasma (la convergenza dei nervi ottici dei due lati). Anche in questo caso si può estendere lungo la base di impianto con reazione ossea, mentre la parte carnosa, più o meno estesa, coinvolge ed eventualmente ingloba le strutture circostanti. Va considerata a parte l’invasione del seno cavernoso, per la particorlare difficoltà chirurgica. Nello spazio “vascolare” del seno cavernoso, passano i nervi della motilità oculare, la carotide cranica, e uno dei rami del trigemino.
Condividi l'articolo o stampa

Altri Articoli

Radiochirurgia e radioterapia

Le differenze Il trattamento radiante integra o sostituisce il trattamento “a cielo aperto” (chirurgico, microchirurgico o endoscopico) o percutaneo nelle neoplasie, lesioni vascolari e disordini funzionali, ma non sempre è chiara la differenza tra radioterapia e radiochirurgia. Le differenze principali sono riportate in tabella:   Radioterapia Radiochirurgia Centraggio Prima del

Leggi tutto »
Meningioma

E’ un tumore benigno, con un’ età di incidenza massima tra i 40 ed i 60 anni (picco a 45 anni). Rappresenta il 15% dei tumori cerebrali ed il 25% dei tumori spinali. Prevale nelle donne, con un rapporto di 2:1 rispetto ai maschi. A livello del midollo spinale tale

Leggi tutto »
Meningioma dell’apice della Rocca con Paresi Facciale

Un sorriso strano era comparso sul viso tranquillo della signora M.R. Il sorriso “strano”, ossia “la bocca storta” si era notato la prima volta in prossimità del Natale 2002. Si era pensato ad una paresi facciale da freddo (“a frigore”, come si dice in termini tecnici), ma poi non guariva,

Leggi tutto »
Radiochirurgia dei meningiomi

Chirurgia senza sangue? Questo trattamento è riservato a tumori di dimensioni limitate, idealmente inferiori a 3 cm, eccezionalmente 3,5 cm., con margini ben definiti e difficilmente accessibili con le tecniche tradizionali. La contiguità con le vie ottiche e con il chiasma deve essere attentamente valutata. I meningiomi spinali non sono

Leggi tutto »
Pompe da infusione, neuromodulazione

Neuromodulazione: controllo del dolore con sistemi esterni infusivi Una delle metodiche di più largo impiego nel trattamento del dolore neuropatico, da cancro, o per lesioni nervose di varia natura. Consiste nell’ impianto di un catetere spinale, che raggiunge il liquor (il liquido che circola nel sistema nervoso), dove rilascia le

Leggi tutto »

Tabella dei Contenuti