Neurochirurgo

testata.jpg
Dr. Caputi

Elena che preferisce la terapia medica

La signora E.G. di 42 anni, sportiva e dinamica, oltre che eccellente manager s’era scontrata con il primo serio malanno della sua vita: un dolore lombosciatalgico che l’aveva costretta a rinunciare al ciclismo, suo sport preferito. Dapprima aveva avvertito qualche dolore lombare che prontamente scompariva con l’Aulin o farmaci simili. Poi un giorno, sei mesi prima, era rimasta bloccata da un violento dolore occorso mentre “traslocava”. Il dolore l’aveva costretta a letto per quasi una settimana. Qualsiasi movimento, anche uno starnuto, lo intensificava. Se poi cercava di allungare la gamba “vedeva le stelle” ed il gluteo, la coscia, il polpaccio rimanevano contratti in un violento crampo. Dopo una quindicina di giorni il dolore era andato attenuandosi, ma era costretta a muoversi con molta cautela ed a portare con sé sempre qualche antidolorifico, a parte gli antinfiammatori che assumeva costantemente. Quando aveva ricominciato a lavorare, la sedia era diventata uno strumento di tortura, e nei momenti più impensati era costretta ad alzarsi e cercare un giacigli per distendersi. La risonanza magnetica che qui sotto presentiamo dimostrò la presenza di una frammento discale espulso (estruso). Fu a questo punto visitata riscontrando i tipici segni della sofferenza radicolare, ossia Lasègue, riduzione del riflesso

Leggi tutto »

Ammalato di Meningioma

Il signor S. era stato condotto in ospedale perché improvvisamente notava una strana sensazione che gli saliva su dal piede e “marciava” in una manciata di secondi, verso l’inguine ed il tronco, poi tutto diventava sfumato e confuso. Si ritrovava col piede intorpidito e cedevole. Quell’ultima volta gli era rimasto anche un gran mal di testa. I medici del pronto soccorso lo portarono subito in radiologia per una prima valutazione TC. Nella confusione di quei momenti il responso suonava strano: una “massa” dai contorni regolari, con edema perilesionale, forse un meningioma della convessità. Gli dissero che veniva trasferito in Neurochirurgia. Cominciarono a somministrargli del cortisone, gli praticarono un elettroencefalogramma, cominciò la terapia antiepilettica e dopo qualche giorno praticò una risonanza magnetica con contrasto. Gli chiesero per questo se fosse portatore di pace-maker, se avesse protesi metalliche o comunque materiale magnetico impiantato nel corso di eventuali interventi precedenti o conseguente a traumi. Non capiva perché, solo voleva sapere di sicuro che avesse e quando sarebbe stato eventualmente operato e di che cosa. Nel colloquio coi medici, e col suo curante in particolare, erano emerse varie prospettive, lontane, ma che ora, a colloquio col chirurgo davanti al diafanoscopio per vedere le lastre,

Leggi tutto »

Meningioma dell’apice della Rocca con Paresi Facciale

Un sorriso strano era comparso sul viso tranquillo della signora M.R. Il sorriso “strano”, ossia “la bocca storta” si era notato la prima volta in prossimità del Natale 2002. Si era pensato ad una paresi facciale da freddo (“a frigore”, come si dice in termini tecnici), ma poi non guariva, come di solito avviene, senza lesciare traccia. Si pensò bene di approfondire con una Risonanza Magnetica, che rivelò la causa di questa anomalia: un meningioma di circa 3 cm. premeva sul nervo facciale e spiegava lo strano sorriso! Lo sgomento era in parte temprato dal fatto che il meningioma è, per definizione, un tumore benigno. L’angoscia riafforava quando lo specialista spiegava alla signora MR ed ai familiari che il tumore, benchè benigno, si era sviluppato in uno dei posti più difficili da raggiungere ed era suscettibile di crescita ulteriore, con danni aggiuntivi sulle strutture nervose ed al limite anche per la vita. Cosa fare ? Allo sgomento subentrava la necessità di una decisione. All’ansia del cos’è, subentrava l’ansia della scelta terapeutica più adeguata. Venivamo consultati e spiegavamo le possibilità terapeutiche che fondamentalmente si riducevano a tre: aspettare e monitorare la crescita del meningioma, intervenendo solo qualora avesse dato segni di

Leggi tutto »

La DREZ e la Paraplegia Dolorosa di Willem

La sua storia ha dell’incredibile, come riportato a suo tempo sul sito della ABC e sul sito della ARRL e della traveller world. Nel marzo 2000 Willem, un ragazzo di 13 anni, e la sua famiglia erano stati assaliti dai pirati al largo dell’Honduras. Durante l’attacco egli era stato colpito da un colpo di mitraglia alla colonna vertebrale ed al rene, salvandosi miracolosamente, ma con una paraplegia residua, ossia l’impossibilità a muovere le gambe. Il giorno successivo venne trasportato negli USA e subì un lungo intervento per salvargli la vita e nella disperata speranza di fargli recuperare la motilità degli arti inferiori. Willem riuscì a sopravvivere, ma da allora è paraplegico e ha sviluppato quasi subito un dolore intrattabile che parte dal tronco, e va giù per gli arti inferiori. Questa zona è indicata in rosso nella Figura n° 3 Ildolore è sempre presente con parossismi, specie quando la zona “trigger” (grilletto) è irritata anche da stimoli banali, quali il contatto con i vestiti. L’odissea del malato Ha provato varie terapie mediche. Al momento del ricovero assumeva Neurontin, Laroxyl Rivotril e Lioresal ad altissime dosi. In Olanda, dove vive con la Famiglia,gli specialisti Neurologi e Neurochirurghi consultati ritenevano che non

Leggi tutto »