Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Stabilizzazione lombare percutanea

Quel fastidioso dolore alla schiena se lo portava dietro da molti anni, dapprima lieve ed occasionale.

 scivolamento vertebrale tra di L5 su S1Se ne accorgeva dopo qualche sforzo, come una partitella tra amici. Poi era diventato più insistente e non bastava la pomata, nè i cerotti medicati. Funzionava meglio una bustina di antidolorifico, ma appena portava la busta della spesa o restava in piedi per più di qualche ora, quel tormento cominciava. Prendeva il fondo schiena e la parte alta dei glutei, lo irrigidiva ed assorbiva tutti i suoi pensieri.

Dapprima le radiografie, poi la TC evidenziavano uno scivolamento vertebrale tra di L5 su S1, detto spondilolistesi, per spondilolisi, ossia rottura dell’istmo articolare, del “blocco” che impedisce lo scivolamento reciproco delle vertebre. La Risonanza Magnetica, più efficace nel mostrare i tessuti nervosi rispetto alla TC, mostrava la deformazione del sacco durale, dove passano le radici nervose.

La scelta terapeutica

Le cure, la riabilitazione il nuoto ed i consigli del fratello medico non gli apportavano che beneficio temporaneo. Si era deciso perciò ad affrontare un piano terapeutico più drastico. Non tutti, nemmeno tra i familiari, erano d’accordo. Ciò rifletteva l’opinione degli specialisti consultati, ma il dolore era tanto e la qualità di vita, ossia la libertà di muoversi, ridotta. D’altro canto appariva logico che se c’era qualcosa di anormalmente mobile (le vertebre tra di loro) esso dovesse in qualche modo essere “fissato”. A questo proposito, nell’ultimo ventennio si ricorre sempre più spesso a barre e viti di titanio, che però usualmente comportano un intervento piuttosto lungo, con un’ampia ferita. In alternativa, negli ultimi anni, era stato messo in commercio un sistema, detto Pathfinder®, impiantabile per via percutanea, e quindi con una ferita molto più piccola e tempi didegenza marcatamente più corti. Le immagini qui di seguito illustrano i tempi dell’intervento.

Stabilizzazione lombare percutanea

Condividi questo articolo
 
I casi clinici qui rappresentati sono "reali". L'identità dei pazienti è mascherata per rispetto della privacy ma la documentazione è a disposizione per eventuali controlli. Il linguaggio è narrativo, piuttosto che anamnestico e tecnico per facilitarne la comprensione da parte del pubblico. Da notare che per quanto il trattamento possa sembrare "semplice", per effetto dello stile narrativo, ogni manovra terapeutica, anche banale, comporta dei rischi che vanno discussi e vagliati col medico che propone il trattamento.Si noti che queste informazioni sono di carattere generale e non autorizzano ad estrarne conclusioni diagnostiche e terapeutiche. Qualsiasi caso va discusso, verificato e diagnosticato con il medico abilitato al trattamento ipotizzato.Il testo e le immagini sono coperti dal diritto d'autore. Qualora il contenuto di queste pagine venga usato per integrare altri siti si prega di riconoscerne l'origine inviandone nota @ mail all'autore e di creare un link.