Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Osteofita cervicale

L’osteofita rappresenta una sporgenza ossea, un “becco” che deforma i margini ossei della vertebra in contiguità con il disco.

osteofita

La figura mostra l’ostefita cerchiato di rosso

Esprime una reazione a condizioni di carico anomale per cui sul margine vertebrale normale si produce un margine cartilagineo attivo che secondariamente ossifica. L’osteofita assume un ruolo patologico poiché può interferire col decorso delle strutture nervose, in particolare della radice. La sporgenza nel canale vertebrale inoltre, riduce lo spazio a disposizione delle strutture nervose con una stenosi vertebrale. Talora il processo di ossificazione coinvolge anche, a livello cervicale, il legamento longitudinale posteriore. È questa una banda legamentose che si estende dall’alto verso il basso all’interno della canale vertebrale. La sua ossificazione irrigidisce la colonna cervicale, limitandone i movimenti, restringendo i diametri antero-posteriori del canale vertebrale. Il midollo spinale nei può risultare compresso per effetto dei volumi più angusti all’interno del canale vertebrale, dove appunto è situato il midollo spinale. Guarda il video da “argomenti correlati” per un approfondimento e per le indicazioni terapeutiche.

Condividi questo articolo
 
Si noti che queste informazioni sono di carattere generale e non autorizzano ad estrarne conclusioni diagnostiche e terapeutiche. Qualsiasi caso va discusso, verificato e diagnosticato con il medico abilitato al trattamento ipotizzato.Il testo e le immagini sono coperti dal diritto d'autore. Qualora il contenuto di queste pagine venga usato per integrare altri siti si prega di riconoscerne l'origine inviandone nota @ mail all'autore e di creare un link.