Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Nevralgia del trigemino di un’anziana signora

Sintomi dell’infiammazione trigeminale nel contesto di una storia vera

La signora RR di 88 anni, di Treviso aveva cominciato ad avvertire molti anni prima un dolore nella parte media del viso, verso il labbro superiore, che la bloccava nel bel mezzo di un boccone o le interrompeva bruscamente un discorso. Un dolore fulminante, che si affacciava varie volte nella giornata, come un improvviso mal di denti, e le bloccava il viso in un’espressione sgomenta. Per questi sintomi era stata dal dentista che le aveva curato più di un dente asportandole un molare. Per qualche giorno era stata meglio; ma poi il dolore si era riaffacciato improvviso e violento. Aveva implorato il dentista di levarle ancora altri denti, ed aveva guardato delusa il suo diniego: forse era meglio che si facesse vedere da un neurologo. Aveva provato anche con l’agopuntura, ma il giovamento era stato lieve e di breve durata.

Le sembrava di impazzire, qualcuno dei suoi familiari dubitava della sua salute mentale, specie quando nel bel mezzo di un discorso s’ interrompeva portandosi una mano alla guancia ed il suo viso si contorceva in una smorfia. Il neurologo finalmente le diede un pò di speranza: si trattava di nevralgia trigeminale e poteva essere curata con dei farmaci specifici. Le fu prescritto del Tegretol, 200 mg 3 volte al giorno e come per incanto il dolore scomparve.

La decisione chirurgica

L’illusione durò qualche mese; poi, come un incubo, il dolore ed i sintomi del trigemino si riaffacciarono. Fu aumentata la dose dei farmaci: Tegretol 400 mg, 3 volte al giorno. La signora si sentiva un pò sbandare, a tratti si sentiva confusa, ma almeno quel dolore terribile era scomparso di nuovo. Qualche tempo dopo, visto che il dolore si era sopito, il medico le consigliò di ridurre progressivamente la dose di Tegretol; cosa che la paziente fece. Passarono così vari anni, tra alti e bassi e con la paura costante che il dolore improvviso ritornasse. E ciò regolarmente accadeva: bastava un colpo di freddo, a volte un pò di stanchezza, altre volte senza motivo apparente e nonostante tutte le precauzioni, finché nell’ultimo anno ed a dispetto di ogni precauzione il dolore ritornò e si rifece insistente. Invano il Tegretol fu aumentato, fu aggiunto del Neurontin e si provò anche col Lamictal, ma oramai era un tormento ed il dolore si estendeva intorno e sopra all’occhio. Per giunta gli ultimi esami ematici dimostravano una lieve alterazione epatica. A questo punto si rivolse al neurochirurgo.

L’intervento

Ne aveva sentito parlare varie volte, ma il suo medico curante era scettico e la spaventava l’idea di dover affrontare la chirurgia per la prima volta nella sua vita ad 88 anni. Per giunta il suo neurologo le aveva detto che avrebbe perduto la sensibilità di parte del suo viso. Ebbe vari colloqui col neurochirurgo, ma alla fine si decise per l’intervento, nonostante la necessità di spostarsi in una città diversa dalla sua. Si sentiva rassicurata dalla possibilità di fare l’intervento in anestesia strettamente locale, e cioè da “sveglia” e dalla possibilità di preservare la sensibilità facciale con una lesione “mirata” e “graduata”.

L’intervento venne infatti eseguito nel mese d’ aprile. La signora fu stata dimessa il giorno successivo all’intervento senza dolore e senza sintomi residui. Poteva finalmente mangiare e parlare in libertà !

Il seguito

La signora ha raccontato nel corso di una recente telefonata che i sintomi sono scomparsi e lei non ha più dolore. Ha ripreso la sua vita quotidiana da subito, e non prende più medicine. La figlia ha aggiunto che la mamma ancora racconta alle amiche di quando si è adagiata timorosa sul lettino operatorio, con i fili del monitoraggio elettrocardiografico e di come alla fine, quando è stata invitata a spostarsi sulla barella per essere riportata nel suo letto, abbia chiesto: “Ma allora l’intervento non me lo finite ?”, per realizzare subito dopo, che l’intervento, consistente fondamentalmente nell’infissione in anestesia locale di un ago sottile sul nervo alla base del cranio (il ganglio di Gasser), era già stato portato a termine.

Condividi questo articolo
 
I casi clinici qui rappresentati sono "reali". L'identità dei pazienti è mascherata per rispetto della privacy ma la documentazione è a disposizione per eventuali controlli. Il linguaggio è narrativo, piuttosto che anamnestico e tecnico per facilitarne la comprensione da parte del pubblico. Da notare che per quanto il trattamento possa sembrare "semplice", per effetto dello stile narrativo, ogni manovra terapeutica, anche banale, comporta dei rischi che vanno discussi e vagliati col medico che propone il trattamento.Si noti che queste informazioni sono di carattere generale e non autorizzano ad estrarne conclusioni diagnostiche e terapeutiche. Qualsiasi caso va discusso, verificato e diagnosticato con il medico abilitato al trattamento ipotizzato.Il testo e le immagini sono coperti dal diritto d'autore. Qualora il contenuto di queste pagine venga usato per integrare altri siti si prega di riconoscerne l'origine inviandone nota @ mail all'autore e di creare un link.