Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Meningioma della convessità

“Convessità” stà ad indicare la superficie cerebrale subito al di sotto della calotta cranica ed è questa la sede dove più frequentemente si osserva lo sviluppo del meningioma.

Il tumore in questo caso cresce dalle meningi (l’involucro esterno del cervello) e si affonda progressivamente nella massa cerebrale che ne risulta compressa e spostata.

meningioma della convessita

La figura indica il meningioma “M” adeso alla calotta cranica (il “coperchio” del cranio a sinistra). A destra il tumore “M” nella sua posizione originale sulla convessità. Il tumore è normalmente esterno al cervello ed adeso alla calotta.

Il tumore si annida alla fine in una nicchia ed è separato dal cervello solo da una fine membrana, detta “pia aracnoidale”. Questo piano è fondamentale per la separazione del tumore dal cervello e deve essere ben presente al chirurgo.

La zona più frequentemente interessata è la frontale, quindi parietale ed occipitale. Il tumore è quasi sempre benigno. I sintomi sono legati alla “massa”, che comporta cefalea e disturbo della funzionalità cerebrale. Per lesioni frontali si tratta soprattutto di alterazioni psichiche e motorie, per le localizzazioni parietali alterazioni sensitive e motorie, per le forme occipitali, disturbi visivi. In tutti i casi una manifestazione più sottile e di difficile interpretazione anche da parte del medico non specialista è l’epilessia, spesso di tipo focale, cioè con manifestazioni parziali, quali ad esempio il movimento involontario e ripetitivo della mano della durata di qualche secondo.

rm meningioma

Il meningioma alla RM

La risonanza magnetica o la TC con contrasto e l’elettroencefalogramma divengono perciò esami fondamentali. La TC più che la risonanza magnetica mostra una reazione ossea “di appoggio”, ossia le modificazioni della teca cranica che in questo tipo di meningioma è in stretto contatto col tumore.

nicchia

La “nicchia” tumorale, dopo la
rimozione del meningioma

Talora il meningioma si presenta con aspetti calcifici (ossificati), si parla in questo caso di meningioma calcifico. Ciò è più frequente nelle persone anziane e di norma è “stabile” e non richede terapia.

La terapia usuale è la rimozione chirurgica. Spesso deve seguire un trattamento antiepilettico almeno per sei mesi e talora la ricostruzione della volta cranica, poiché l’osso è “infiltrato” dal tumore.

La storia di un paziente con meningioma della convesità.

Condividi questo articolo
 
Si noti che queste informazioni sono di carattere generale e non autorizzano ad estrarne conclusioni diagnostiche e terapeutiche. Qualsiasi caso va discusso, verificato e diagnosticato con il medico abilitato al trattamento ipotizzato.Il testo e le immagini sono coperti dal diritto d'autore. Qualora il contenuto di queste pagine venga usato per integrare altri siti si prega di riconoscerne l'origine inviandone nota @ mail all'autore e di creare un link.