Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Endoscopia vertebrale per l’ernia del disco

L’endoscopia rappresenta una metodica relativamente nuova. Consente di vedere all’interno del corpo tramite un accesso “limitato”.

Per quel che riguarda l’ernia del disco non offre particolari vantaggi rispetto all’accesso “microscopico”. La tecnica di base è la stessa: ossia si raggiunge lo spazio interlaminare, si apre il legamento giallo, quindi, visualizzata la radice, si estrae l’ernia. Al di là di questo schematismo, vale naturalmente l’esperienza del chirurgo nel rapportare la patologia ai sintomi accusati dal paziente ed è fondamentale assicurarsi visivamente che la radice (il nervo) abbia uno spazio adeguato.

 

Condividi questo articolo
 
Si noti che queste informazioni sono di carattere generale e non autorizzano ad estrarne conclusioni diagnostiche e terapeutiche. Qualsiasi caso va discusso, verificato e diagnosticato con il medico abilitato al trattamento ipotizzato.Il testo e le immagini sono coperti dal diritto d'autore. Qualora il contenuto di queste pagine venga usato per integrare altri siti si prega di riconoscerne l'origine inviandone nota @ mail all'autore e di creare un link.