Dott. Franco Caputi Neurochirurgo Roma

Cos'è la Neurochirurgia

 

La Neurochirurgia cura le alterazioni del sistema nervoso centrale e periferico e comprende le malattie della colonna vertebrale, dell'encefalo (cervello), dei nervi sia cranici che periferici.

Nell'ambito della neurochirurgia ricadono anche le patologie caratterizzate da dolore cronico, come la nevralgia trigeminale, o da alterazioni funzionali, come il torcicollo spastico. Il neurochirurgo è lo specialista che pratica la neurochirurgia. Queste sono le patologie principali che egli tratta in modo medico o chirurgico: tumori cerebrali, malformazioni del sistema nervoso di varia natura, tra cui aneurismi e malformazioni vascolari, la nevralgia trigeminale, il torcicollo spastico, il dolore cronico, l'ernia del disco, la stenosi vertebrale, l'instabilità ed il dolore lombare, l'ernia del disco cervicale, la spondilosi cervicale, l'ernia del disco toracica, malattie dei nervi periferici come deficit dello SPE, il tunnel carpale, la neuropatia dell'ulnare. L'intervento del neurochirurgo si caratterizza per il rispetto delle strutture aggredite e recentemente per la mininvasività e l'uso di tecnologie altamente sofisticate.
Per saperne di più

In Primo Piano

Nevralgia del Trigemino e Dolore Trigeminale

La nevralgia del trigemino, detta anche trigeminale, interessa il volto ed è stata, descritta in termini drammatici già da secoli. La nevralgia del trigemino, detta anche trigeminale, interessa il volto […]

Sciatica e infiammazione del nervo sciatico

Sciatica e infiammazione del nervo sciatico: le sfaccettature di uno stesso problema La “sciatica”, “nervo sciatico”, “dolore alla gamba”, “ernia del disco” sono termini che spesso si intrecciano e si […]

Torcicollo e neurochirurgia funzionale

Il torcicollo rappresenta una condizione rara, ma di grande impatto emozionale e sociale. Il torcicollo si presenta con una deviazione della testa, prevalentemente da un lato, destra o sinistra, ma […]

Tumori e malattie cerebrali

Il tumore cerebrale primitivo è raro, in Italia circa 10 casi/100.000 abitanti. La maggior parte origina dal tessuto nutrizionale e di sostegno in cui si collocano cellule e fibre nervose. […]